Stagione 12-13
Sant'Angelo in Pontano - Teatro Nicola Antonio Angeletti
Per informazioni e prenotazioni:

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi al numero 0733 661602


1982 l’italia java al massimo… e perché nuantri no?

Stagione amatoriale
7 Dicembre 2012
21:30
Commedia dialettale in 2 atti di Pietro Romagnoli (Per ragazzi) - Siamo agli inizi dell’estate 1982 e l’Italia di allora è molto diversa da quella di oggi; in politica, ad esempio, cade il governo Spadolini che nel giro di pochi giorni farà lo Spadolini Bis, nel calcio si è appena usciti dallo scandalo delle scommesse che l’Italia vince i mondiali, sempre nel 1982 un contingente militare italiano parte per una missione di pace in Libano, imperversano grandi scandali finanziari (il più clamoroso quello del Banco Ambrosiano) e l’Italia è scossa dagli attentati compiuti dalla mafia e dal terrorismo. In televisione, per fortuna, le cose vanno meglio, infatti ci sono due grandi presentatori che vanno per la maggiore, Pippo Baudo e Mike Bongiorno !!! Ma allora cosa è cambiato ? Noi comunque per fortuna, di quell’estate andremo a ripercorrere i momenti felici e spensierati che un gruppo di adolescenti trascorreranno insieme; rivivremo con loro i turbamenti dei primi amori, gli imbarazzi degli sguardi che si incrociano, gli impacci dei silenzi e l’emozione dei primi baci. Il tutto in un mix di situazioni comiche e divertenti, ma soprattutto spontane e naturali. Quella spontaneità e naturalezza che forse la tecnologia di oggi ha tolto ai ragazzi. Alcuni di loro infatti non riescono a credere che nel 1982 si doveva avere il “coraggio” di chiedere ad una ragazza di uscire guardandola negli occhi e non inviando un sms. Fanno da contorno alla commedia gli “eroi” di quella mitica estate: Paolo Rossi e gli altri calciatori della nazionale, Miguel Bosè, lo sconosciuto cantante Vasco Rossi arrivato ultimo a San Remo, la canzone dell’estate 1982 “un estate al mare” e tanta nostalgia per chi come noi quell’estate la vissuta davvero.
Continua...


Le rughe de' ll'anema

Stagione amatoriale
19 Gennaio 2013
21:30
"Le rughe dell’ànema” scritto e diretto da Giandomenico Lisi che con la leggerezza e l'arguzia che contraddistinguono le sue opere ci offre un altro spaccato della vita di provincia. I tre atti scorrono agilmente a raccontare le storie, le lacrime, i sorrisi e, appunto, "le rughe dell'anima", di una famiglia dei giorni nostri.

Continua...

di e Regia: Giandomenico Lisi

Comme lu sole

Stagione amatoriale
9 Marzo 2013
21:30
Commedia dialettale in tre atti di Dante Cecchi e Trento Anzidei. Con questa commedia scritta nel 1966, gli autori hanno voluto rendere omaggio ad un paesino del nostro entroterra: Gualdo, inserendo alcuni nomi di personaggi caratteristici del luogo. La commedia è ambientata nel periodo ’44/’46, quando il Podestà aveva le funzioni dell’attuale Sindaco ed il Comune ancora distribuiva, alle famiglie più bisognose, le “tessere annonarie”, con le quali si poteva ricevere gratuitamente alcuni generi alimentari e beni di prima necessità. L’azione si svolge nella casa di una famiglia di contadini e tutta la storia è incentrata sull’equivocofra Sittì, contadino e Marì, sua moglie, che nasce quando ognuno, all’insaputa dell’altro, accetta proposte di matrimonio per la figlia Rosetta, da due pretendenti, personaggi fra i più in vista del paese: Arturo, impiegato del Comune e Filomeno, ricco possidente. Rosetta è invece innamorata di una terza persona, Peppe, suo coetaneo e giovane contadino. Attraverso schermaglie e situazioni simpatiche nonchè esilaranti, la vicenda si risolve per buona pace di tutti i personaggi, con il classico lieto fine.
Continua...

di Dante Cecchi e Trento Anzidei
Regia: Carlo Serpilli
Compagnia: Don Valerio Fermanelli di Treia