Stagione 11-12
Pollenza - Teatro Giuseppe Verdi
Per informazioni e prenotazioni:

I biglietti potranno essere prenotati al botteghino del Teatro +39 0 733 549 936 oppure +39 349 473 082 3
e-mail
Per informazioni rivolgersi al Servizio Cultura allo +39 0 733 548 707
RINNOVO ABBONAMENTI
nei giorni 4-5-6-11-12-13 dicembre dalle ore 17.00 alle ore 20.00
VENDITA NUOVI ABBONAMENTI
Dal 17 dicembre al 21 gennaio recandosi al botteghino esclusivamente nei giorni in cui si tengono gli spettacoli, nelle due ore precedenti l’inizio.


Ronnie Baker Brooks

Fuori Cartellone
13 Novembre 2011
21:30
Spettacolo dello strepitoso Chicago Rock Blues Power Trio - Il concerto è un'anticipazione del San Severino Blues Festival winter 2011, con la collaborazione del Comune e della Pro Loco di Pollenza.
Continua...


con Ronnie Baker Brooks

Quelli Eran Giorni

2 Dicembre 2011
21:15
Musicultura presenta questo panoramico e non nostalgico viaggio attraverso la canzone negli anni ’60 e ’70,una benefica immersione in fatti e personaggi diventati miti, sulle note di brani che sono stati la colonna sonora della società di quegli anni, e non solo questo vuole essere Quelli Eran Giorni, il nuovo spettacolo di Piero Cesanelli prodotto da Musicultura. La musica fino ad allora si era rivolta ad una platea spesso composta da persone attempate. Il rock and roll diventa prepotentemente un fenomeno da teenager. Prima con l’urlatore, poi con il cantautore la canzone cambia vestito e diventa insieme ad altri rinnovati soggetti, motore propulsivo della società soprattutto giovanile. Quelli Eran Giorni propone indifferentemente dogmi di John e Robert Kennedy mescolandoli a motivi come “La bambola”, “La notte”, “Azzurro”, immagini del ’68 alternandole a brani di De Andrè, Battisti, Paoli e tanti altri. Il tutto servito da l’ Ensamble musicale La Compagnia composta da 11 musicisti ed interpreti, da due narratori ed una regia video. la compagnia ADRIANO TABORRO chitarre violino mandolino, PAOLO GALASSI basso chitarre mandolino slide guitar, ANDREA CASTA voce chitarra armonica, EL CHOPAS voce chitarra, RICCARDO ANDRENACCI percussioni, MARUMBA tastiere keyboard, BOBBY BOTTEGONI sax, ALESSANDA ROGANTE voce chitarra, ELISA RIDOLFI voce, FRANCESCO CAPRARI voce, PIERO CESANELLI voce chitarra arrangiamenti, GIULIA POETA e MAURIZIO MARCHEGIANI narratori, ANDREA POMPEI montaggio audio video fotografico. I BRANI Dio è morto, La bambola, Angelo blu, Angeli negri, È la pioggia che va, Mondo in Mi7, La canzone del maggio, Esagerata, Little Darling, Primavera di Praga, C’era un ragazzo, Quelli eran giorni, Il sole è di tutti, Azzurro, La notte, La compagnia, Bang Bang, La ballata degli impiccati, Gli Zingari, La danza di Zorba, Little Man, The house of the rising sun.
Continua...


Compagnia: Ensemble musicale la Compagnia

Eratosthénes, il Volto della Terra

9 Dicembre 2011
21:15
Eratosténes nacque a Cirene verso il 275 a.C. e morì ad Alessandria d’Egitto verso il 195 a.C. La sua opera più spettacolare, che avrebbe giocato un ruolo decisivo per la conoscenza della Terra, fu l’esatta misura, 23 secoli fa, della circonferenza del globo terrestre! Le sue rilevazioni astronomiche gli permisero, inoltre, di disegnare la forma del Mondo allora conosciuto, l’Ecumene, e di realizzare una coerente carta geografica, unica in quanto vera immagine del mondo, leggibile da tutti! L’opera nasce dall’incontro e dal dialogo di personaggi contemporanei; la loro riflessione, vera ed originaria, conduce inevitabilmente verso Eratostene, che diviene il personaggio principale del dramma. Con spirito critico egli ci accompagna nell’Alessandria del III sec. a.C., quando, nel bel mezzo di un universo ancora in gran parte popolato da miti, alcuni uomini illuminati ebbero la straordinaria intuizione che i fenomeni naturali potevano essere compresi dalla ragione, trovando in essi le leggi matematiche che li governano e ne permettono la spiegazione! Le Musiche, inedite e dedicate all’opera, sono espressioni melodiche ed armoniche rappresentate dalla magistrale sonorità della chitarra classica e dal puro Canto in greco antico. La Danza sviluppa i temi propositivi della sfericità e dell’obliquità, quindi dell’oblio nei confronti della geografia astronomica. Autori dell’opera sono Fabio Pallotta, geologo, e Michela Costanzi, storica ed archeologa, i quali hanno condotto, anche a Cirene in Libia, uno studio di base coadiuvati da alcuni ricercatori della Scuola di Scienze Ambientali dell’Università di Camerino.
Continua...

di Michela Costanzi e Fabio Pallotta
Regia: Diego Dezi
Compagnia: CTR - Compagnie Teatrali Riunite - UNICAM - UNIMC

Chi ce capisce è brau

Stagione amatoriale
17 Dicembre 2011
21:15
Commedia dialettale in due atti. Un impiegato comunale e inventore, con mille fisime e paure subisce i capricci della moglie, la prepotenza della suocera e i soprusi del sindaco, fino al giorno in cui vince al Totocalcio una bella somma e uno straniero viene da Torino per proporgli un grande affare. La sua vita allora cambierà, ma non sappiamo se in meglio.
Continua...

di Aldo Pisani
Regia: Giancarlo Salvucci
Compagnia: LU CUPPITTU DE RAMBONA

Concerto di Natale

Fuori Abbonamento
21 Dicembre 2011
21:15
A cura del Corpo bandistico “Giuseppe Verdi” di Pollenza. Il Corpo Bandistico di Pollenza nasce intorno alla prima metà del XVIII secolo: risale infatti a quegli anni un’annotazione riferita a spese destinate al maestro per la scuola di banda da parte dell’Amministrazione comunale. Da allora la banda è sempre stata attiva e presente nei momenti più significativi della vita di Pollenza. Nel 1815 suonò in onore del Cardinale legato del Papa in visita ufficiale all’Abbazia di Rambona. Nei primi anni del 1900, periodo in cui nel Teatro Comunale si rappresentavano le opere, l’orchestra era composta in massima parte da musicisti provenienti dalla banda. La banda ebbe i suoi alti e bassi e, dopo la seconda guerra mondiale, sotto il nome di “Corpo Bandistico G. Verdi”, riprese a funzionare al meglio tanto da raggiungere la partecipazione di oltre 40 elementi. Attualmente, il “Corpo Bandistico G. Verdi” di Pollenza è composto da circa 40 elementi ed è diretto dal Maestro Fernando Sileoni, il quale cura gli arrangiamenti dei brani di repertorio ed è autore egli stesso di numerose composizioni originali. Il repertorio, oltre alle tradizionali marce per banda, presenta una serie di brani di autori classici. Ingresso gratuito
Continua...


Don Bosco

Fuori Abbonamento
23 Dicembre 2011
21:15
Il musical “Don Bosco”, promosso dai ragazzi dell’Oratorio “Cardinale Cento” di Pollenza, è ispirato alla figura di Don Giovanni Bosco. Questa figura, così autentica, così attuale, così virtuosa, costituisce l’anima e il fermento di tutto il lavoro teatrale, che desidera esserne testimone e ambasciatore, nella convinzione che l’impronta lasciataci da Don Bosco è sempre eloquente e paradigmatica della vita cristiana e dei valori umani e sociali. I momenti principali della sua vita si alternano con gli episodi dell’oratorio dei nostri giorni attraverso tantissimi personaggi, nel tentativo di affrontare alcune tematiche attuali: le inquietudini degli adolescenti, la solitudine interiore, il bisogno d’ascolto e il loro desiderio di integrarsi nella comunità. Le risposte a tali problemi arrivano direttamente dalle parole di Don Bosco, il quale consiglia di comunicare di più con i giovani, di entrare nei loro cuori, di cercare di vivere i loro problemi, di renderli protagonisti e soprattutto di amarli. Ingresso ad offerta
Continua...


Compagnia: Oratorio “Cardinale Cento” di Pollenza

Gospel di Natale -

Fuori Abbonamento
25 Dicembre 2011
21:15
Mr. Larry Jones and With one accord - In collaborazione con SOCIETÀ OPERAIA DI MUTUO SOCCORSO di Pollenza - San Severino Blues Festival winter 2011 - Larry Jones si forma musicalmente nel Christian Fellowship Choir e alla Thornton High School, nella quale diventa direttore di coro dall’85 al ’96. Successivamente partecipa all’affermato progetto “New G” ovvero New Generation Chorale di Ricky Dillard, con cui partecipa a tournéè nazionali, alle trasmissioni televisive di Dr. Bobby Jones ed a varie convention dei Stellar Awards, fino al progetto No Limit dei New G che ha portato alla registrazione di “None But The Righteous”. Arrangiatore, solista e compositore, vanta collaborazioni con il Mass Choir del Baptist State Convention e con Albertina Walker. La formazione dei “With One Accord”, trae il nome da un verso della bibbia, ed è stata fondata nel 1999. Originariamente composta da 10 elementi in questa tournée si presenta con una formazione di quintetto. Più volte ospiti di rilievo del Chicago Gospel Festival e del “Famed House of Blues” per il “Sunday Gospel Brunch”, hanno collaborato come background vocals a varie produzioni, tra queste con Dorinda Clark Cole. Larry Jones si colloca tra quegli interpreti che prediligono il repertorio della tradizione ed arrangiamenti sobri, testimoniati dall’uso della sola tastiera come base musicale e ampio spazio all’espressione del talento vocale. Questa formazione propone uno spettacolo di tipo tradizionale, adattando in modo sorprendente i brani al talento e alla versatilità delle valide interpreti soliste. Lary Jones voce Wendel Wiliams piano Ebony Brown voce Cynthia Carter voce Becky Shaw voce Unica data nelle Marche
Continua...


C’era ’na orda l’amore

Stagione amatoriale
30 Dicembre 2011
21:15
Commedia dialettale in tre atti- L’associazione culturale teatrale “gli smisurati” nasce nel 2009 grazie al all’idea ed al progetto comune di un gruppo di ragazzi di Santa Maria in Selva di Treia (MC). Sostenuta sin da subito dal parroco Don Giuseppe Branchesi ha realizzato sei spettacoli mentre un settimo è in lavorazione. Una nuova formazione, con la regia di Eleonora Paciaroni, mette in scena “c’era ’na orda l’amore”, una divertente commedia dialettale in tre atti, scritta da Paolo Carassai, sulle vicende di una famiglia “aspirante nobile”! Sullo sfondo le vicende di una famiglia “aspirante nobile”con qualche difficoltà economica, disposta a tutto quindi pur di salvaguardare il proprio status quo, al punto da esser disposta a far passare in secondo piano il vero Amore, ma si sa… l’amore non è una favola… C’era una volta L’ amore, ce ne da la conferma!
Continua...

di Paolo Carassai
Regia: Eleonora Paciaroni
Compagnia: "gli smisurati" di S. Maria in Selva

La bella addormentata nel bosco

Teatro per Ragazzi
5 Gennaio 2012
21:15
La fiaba, un mondo incantato dove ogni bambino con la fantasia viaggia, esplora, cresce e terrà come bagaglio, la porterà nei suoi ricordi con nostalgia per tutta la vita. Il magico mondo che li accompagna alla scoperta della vita e della realtà che li circonda. La fiaba parla all’inconscio del bimbo, lo aiuta, lo stimola a superare le ansie che la vita crea. Il mondo vive nella semplicità ma anche nella complessità di affrontare i principali problemi umani, esistenziali, il bisogno di essere amati e la sensazione di non essere adeguati al momento che si sta vivendo. Semplificando, questo concetto ci pone di fronte alla scelta delle situazioni più semplici per determinare: “il bene e il male”, la realtà, a volte mischia e confonde le due forme, la fiaba le chiarisce e le sottolinea con marcata risolutezza, onde non avere dubbio ed incertezza. Aiuta a superare l’angoscia di essere bambini in un mondo di grandi. Solo affrontando le sfide della vita si può arrivare ad essere indipendenti e realizzare i propri sogni e progetti. L’associazione Culturale e Compagnia Teatrale Massimo Romagnoli continua nella sua scelta, occuparsi di teatro per mezzo delle fiabe. Nella realizzazione si è scelta una linea che ci ha portato a risolvere problemi di ordine naturale per chi si occupa di teatro: uno spettacolo rivolto esclusivamente a piccoli oppure coinvolge l’interesse dei grandi, di quelli che non hanno più tempo per i giochi e per i sogni. Decisione: per tutti, grandi e piccolini.
Continua...


Regia: Giancarlo Salvucci
Compagnia: Massimo Romagnoli

Recital - I Fichi d'India

Cabaret
13 Gennaio 2012
21:15
Bruno Arena e Massimiliano Cavallari, ma il pubblico li conosce come FICHI D’INDIA, da anni protagonisti nelle trasmissioni cult di comicità e cabaret (“Zelig”, “La sai l’ultima?”, “Colorado”, “Scherzi a parte”), ospiti fissi a “Quelli che il calcio”, a “Buona Domenica”, al “Maurizio Costanzo Show”. Il repertorio dei Fichi d’India è davvero ricco: dalle telepromozioni scandite al grido dell’indimenticabile tormentone “Amici, Ahrarara”, ai personaggi animati di Fiona e Shrek, dal gruppo Neri per caso con i classici pezzi a ritmo di “tichi tic”, ai mitici personaggi dell’Era glaciale, dalle parodie di Miss Italia all’impaziente tranviere alle prese con l’irriverente bimba di “Fermaaa a Colorado?”, passando per ironiche scene di vita comune raccontate attraverso gli stereotipi del macellaio, del pescivendolo, delle signore delle pulizie, delle professoresse, delle anziane Federica ed Enrichetta, delle maghe Cira & Ambreusa, fino alla recente imitazione di Benedetta Parodi nelle puntate di “cotto e mangiato”. Ciò che rende unici i Fichi d’India nel panorama cabarettistico nazionale è la capacità di creare sempre nuovi personaggi e situazioni, rimanendo costantemente sulla cresta dell’onda e nel cuore del pubblico. Una favola che dura ormai da 22 anni, da quando Bruno Arena e Massimiliano Cavallari si sono incontrati ad agosto sulle spiagge di Palinuro, tra i fichi d’india, da cui lo spunto per il loro nome d’arte. Dall’esordio nel 1989 al “fuori pasto”, locale di cabaret a Varese, la crescita artistica e di celebrità per i due comici - rispettivamente classe 1957 e 1963 - è stata un continuum.
Continua...

di e con Bruno Arena e Massimiliano Cavallari

Cercasi tenore

20 Gennaio 2012
21:15
Stanley Tucci firma a Broadway la regia di una delle commedie più esilaranti degli ultimi tempi: lo spettacolo resterà in scena per due anni diventando un cult della comicità. Lend me a Tenor - Cercasi Tenore è una commedia in cui i continui colpi di scena e le situazioni comiche sono la base di uno dei più importanti successi di Broadway. Come hanno scritto i critici: poco importa che l’abbiate già vista o no: potete cominciare a ridere fin da ora! La storia: siamo negli anni ’30, la vicenda ruota attorno a Tommaso aspirante ed incerto cantante lirico che in qualità di assistente affianca un direttore senza scrupoli di teatro d’opera di provincia. Grandi fermenti agitano gli animi dei protagonisti per l’arrivo di un tenore spagnolo di rara bravura, tanto da essere soprannominato «il magnifico», che interpreterà Otello. Cosa accade però quando a poche ore dallo spettacolo il grande artista soccombe ad un potente mix di alcol e sedativi? Tutto precipita in un esilarante vortice di fraintendimenti, scambi di persona, doppi sensi mal interpretati, vulcaniche gags che strappano allo spettatore risate a non finire.
Continua...

di Ken Ludwig
con Gianfranco Jannuzzo e Milena Miconi Federico Pacifici, Claudia Coli, Tiziana Bagatella, Fabrizio Apolloni, Rodolfo Medina, Stefania Papirio
Regia: Giancarlo Zanetti

Notte magica d'operetta

28 Gennaio 2012
21:15
L’operetta conosciuta anche come « piccola lirica» è un genere teatrale e musicale nato nella seconda metà dell’Ottocento in Francia e in Austria. La sua caratteristica peculiare consiste nella vivacità musicale e l’immediata godibilità che suscita nel pubblico interesse e divertimento. In questa serata percorreremo un viaggio musicale attraverso le più belle melodie: da «La Vedova Allegra» di Franz Lehar a «Cincillà» Carlo Lombardo e Virgilio Ranzano, da «Il Paese dei Campanelli» a « Il Cavallino Bianco» di Ralph Benatzhy. interpreti: Stefania Murino soprano Fabio Zagarella tenore Luigi Cirilo baritono Maestro Sabrina Trojse pianoforte nazareno antinori direttore artistico
Continua...


Compagnia: Ass.ne Sophy Arte Musica

La nostra coppia è un trio

Cabaret
3 Febbraio 2012
21:15
CABARET - Spettacolo frizzante caratterizzato da un continuo cambio di situazione e stile comico. I Mancio e Stigma ci portano in quella che è diventata ormai una realtà del mondo giovanile cioè “il mondo degli emo”, questi adolescenti androgini con lunghe frange sugli occhi, molti piercing sul corpo e con un anima depressa, per poi passare ad una squadra della Protezione Civile non molto preparata e poco altruista. Non manca la musica con i “Poeti Blues”; accompagnati da uno scarsissimo quanto inopportuno chitarrista, due poeti blues cercano di rappresentare le sensazioni che stanno dietro ogni “prima volta” sempre interrotti da colui che dovrebbe suonare e non parlare; provano anche a cantare con un'imitazione di Jovanotti che cantando “Serenata Rap” si ritrova catapultato nel passato e coinvolto negli screzi tra “Romeo e Giulietta” rivisitando in chiave più moderna un meccanismo classico della comicità… quello del suggeritore. Un sessuologo ci farà scoprire cosa succede durante una sua seduta analizzando la vita e le problematiche dei “Coniugi Grasso”. Grazie ai monologhi di Patrizia abbiamo una finestra sul mondo femminile e su sua madre “meridionale”. Durante lo spettacolo possono capitare le incursioni del giovane in cerca di lavoro “Spertizio” e dei suoi surreali e cinici colloqui per ottenere un posto e il passaggio di quelli che dovrebbero essere le soluzioni ai nostri problemi di sicurezza… “Le Ronde Padane”. In pratica danno vita ad una vera e propria situation comedy, che spazia dai problemi femminili a quelli di coppia, non disdegnando la satira sociale e politica. Una comicità impregnata di efficaci battute, doppi sensi e grande impiego di ricerca fisico gestuale e di mimica espressiva.
Continua...


con Mancio e Stigma (EMO)

Tosca

11 Febbraio 2012
21:15
Opera lirica di Giacomo Puccini - La prima rappresentazione si tenne a Roma, al Teatro Costanzi il 14 gennaio 1900. L’azione si svolge a Roma nel 1800 nella tesa atmosfera che segue l’eco degli avvenimenti rivoluzionari in Francia e la caduta della prima repubblica romana. Floria Tosca, famosa cantante, l’amante del pittore Mario Cavaradossi e bramata dal barone Scarpia, capo della polizia papalina che sospetta del pittore (bonapartista) di aver nascosto Angelotti, ex console della repubblica romana, e lo fa arrestare. Tosca, con la promessa della liberazione di Cavaradossi fa finta di concedersi al barone Scarpia, con la promessa di liberare il suo amante con un salvacondotto e dopo averlo avuto lo uccide. Mario Cavaradossi, pero, viene fucilato veramente e lei si getta da Castel Sant’Angelo. Selezione d’opera - La selezione dell’opera vedrà la partecipazione dei personaggi principali. Saranno eseguite arie e duetti tratti dall’opera. interpreti Stefania Murino soprano Augusto Celsi tenore Luigi Cirilo baritono Pier Luca Truchia tenore maestro Sabrina Trojse pianoforte nazareno antinori direttore artistico
Continua...

di Giacomo Puccini
Compagnia: Associazione Sophy Arte Musica

Un nemico del popolo

17 Febbraio 2012
21:15
Questa è una delle più belle opere di Ibsen, portatrice di un messaggio di rilevanza universale: la conoscenza come mezzo per un futuro migliore. Un dottore che scopre che le terme pubbliche, fiore all’occhiello della cittadina e richiamo per molti villeggianti, sono inquinate dagli scarichi della concia industriale delle pelli e decide allora di denunciare pubblicamente il fatto affinché vi sia posto rimedio. Ma da una parte il suo stesso fratello che rappresenta gli azionisti delle terme, dall’altra un giornale popolare schierato contro i potenti della città, si oppongono imponendogli di tacere perché tutti sarebbero parte lesa. Inutili gli appelli al potere, inutili quelli alla coscienza popolare: sia vinti che vincitori si rivelano solo una schiera di opportunisti. Il dottore comprende allora qual è la risposta migliore a questo stato di cose e compier l’unica scelta possibile: invece di abbandonare la città, come sarebbe immaginabile, decide di impegnarsi ad istruire i suoi giovani concittadini per aiutarli a comprendere meglio la realtà e a divnire parte di una società migliore.
Continua...

di Heinrik Ibsen
con GIANMARCO TOGNAZZI e BRUNO ARMANDO
Regia: Armando Pugliese

Quando si chiudono gli occhi

3 Marzo 2012
21:15
Riccardo Forfora, commerciante di francobolli rari, dopo aver perso il figlio Luca in un incidente stradale, ha un rapporto ormai solo formale con la moglie Carla Palloni. Si vedono soltanto a pranzo e a cena. La moglie, che dorme quasi tutto il giorno sotto psicofarmaci, delira continuamente su come potrebbe morire nuovamente Luca, se fosse vivo. Riccardo s’innamora della badante polacca-ucraina del suo anziano vicino di casa, Katia Snupek. La ragazza è zoppa ma anche ambiziosa e vuole, sia un amore vero con Riccardo, che uno legato all’interesse che dovrà addirittura cercargli l’uomo tra i suoi amici facoltosi. Una notte Riccardo inizia a fare strani sogni, in cui si manifesta a lui, un elfo dei boschi che gli manda strani messaggi e gli porta degli inquietanti occhiali con cui l’uomo potrà vedere la vita in modo più positivo. Un giorno a casa di Riccardo, piomba Saverio Purgotti, un arrogante rappresentante di nani da giardino. Ha intuito che l’uomo sta cercando la sua donna del destino, anzi sta cercando una specie di Biancaneve e lui, vuole v endergli i suoi nani per attirarne una a casa sua. Ma Purgotti non è quello che sembra e il destino di Riccardo sarà legato all’amore di Katia. Sia Katia che Riccardo, fin da bambini sono soliti chiudere i loro occhi, metterci le mani sopra, per sperare e desiderare fortemente di cambiare le loro vite, ma ci riusciranno davvero? Interpreti: Katia Snupek, Carla Palloni, elfo vetraio FIORENZA MONTANARI Riccardo Forfora ANTONIO LUCARINI Saverio Purgotti GIANLUCA CAPOMAGI
Continua...


Traviata

10 Marzo 2012
21:15
Opera di Giuseppe Verdi - Prima rappresentazione a Venezia, Teatro «La Fenice», 6 marzo 1853. Dal soggetto di Dumas, Verdi compose questa meravigliosa opera fortemente impressionato dalla drammaticità della vicenda amore e morte. « La dame aou camelias « la signora delle camelie (Violetta Valeri) amante della bella vita, del lusso e del divertimento di 23 anni, legata a molti intellettuali e aristocratici, si innamora di un giovane di nome Alfredo Germont che contraccambia questo forte sentimento. Il padre Giorgio Germont vuole per suo figlio una donna semplice e di buona famiglia e, fingendo, dice a Violetta che suo figlio è sposato e che deve interrompere immediatamente la relazione. Violetta esaudisce il desiderio di Germont e, ammalata di tisi, lascia Alfredo che si affretta a chiarire la menzogna del padre per allontanarlo da lei, ma è troppo tardi perché morirà subito dopo tra le sue braccia. Selezione d’opera La selezione dell’opera vedrà la partecipazione dei personaggi principali. Saranno eseguite arie e duetti tratti dall’opera. Interpreti: Stefania Murino soprano Augusto Celsi tenore Luigi Cirilo baritono Pier Luca Truchia tenore maestro Sabrina Trojse pianoforte nazareno antinori direttore artistico
Continua...


I tabù del proprio io

Cabaret
23 Marzo 2012
21:15
Andrea Baccan, in arte Pucci, è nato a Milano il 23 agosto del 1965, dove a tutto oggi vive. Ha debuttato come protagonista assoluto all’interno del laboratorio Progetto Derby, contenitore comico del Teatro Derby curato da Teo Teocoli e Mario Lavezzi. Cabarettista, monologhista e presentatore, Pucci è un comico provocatore e irriverente. Evita la satira politica preferendo quella di costume. Lo spettacolo è un monologo che ha come argomento centrale la quotidianità e non tralascia mai di coinvolgere il pubblico visto che in fondo tutti hanno vissuto le stesse situazioni. Attento osservatore degli sviluppi sociali ama rievocare le situazioni grottesche dell’adolescenza al grido ‘È cambiato tutto!’. Dopo aver vinto l’edizione 1993-1994, è ospite fisso del programma serale “La sai l’ultima?” di Canale 5. Dal 2001 è nel cast del programma comico “Lista d’attesa”. Nel 2002 per Italia 1 è l’inviato speciale della trasmissione “Le iene”. Nel 2003 e 2004 è l’inviato speciale della trasmissione “Quelli che il calcio” con Simona Ventura. È entrato nel 2005 nel cast di Colorado Cafè di cui è tuttora uno dei comici più amati, mentre prosegue anche la sua partecipazione a “Quelli che il calcio”, nelle vesti del tifoso ‘più interista’ d’Italia.
Continua...

di e con Pucci

La bottega del caffè

29 Marzo 2012
21:15
La bottega del caffè è una delle più celebri opere di Carlo Goldoni, scritta nel 1750 sviluppando un tema già esposto in precedenza come intermezzo musicato e che ebbe già allora un così grande successo da meritarsi un ampliamento a commedia in tre atti. Il commediografo veneziano disegna una piazzetta dove fa vivere tre botteghe, «quella di mezzo ad uso di caffè; quella alla diritta, di parrucchiere e barbiere; quella alla sinistra ad uso di giuoco, o sia di biscazza» e vari meravigliosi personaggi, avventori, gestori delle attività, giocatori, caratteri universali, umani, verosimili e forse veri». Come sostiene lo stesso Goldoni nelle sue Memorie, prevenendo eventuali critiche alla mancata unità d’azione, la sua intenzione non era di voler rappresentare una vicenda ben precisa, ma di voler dipingere una piazzetta di Venezia e la vita delle persone che gravitavano intorno ad essa. Ed ecco quindi che tutta la scena non è altro che uno scorcio di realtà portato in teatro. Il vizio e la colpa, la virtù e le passioni muovono e animano queste creature che racchiudono in loro ingenuità e malvagità, speranze e furore.
Continua...

di Carlo Goldoni
con Massimo Brizi, Filippo Dini, Lisa Galantini, Alessia Giuliani, Alberto Giust,
Regia: Antonio Zavatteri