Stagione 15-16
Montecosaro -Teatro delle Logge
Per informazioni e prenotazioni:

Info, Prenotazioni e Prevendita:
Comune di Montecosaro, via A. Gatti, 3 dal lunedì al venerdì ore 10-13
Tel. 0733-560798 o al 0733-560768.
La biglietteria del teatro è aperta nei giorni di spettacolo dalle ore 19


Souvenir

Stagione di Prosa
14 Novembre 2015
21:15

Nel retrobottega di souvenir religiosi si consuma il tormento di Mariano, un 40enne con moglie e figlio, che ha fatto dell'obbedienza una regola, ma che è costretto a confrontarsi con le proprie frustrazioni. Cresciuto in un ambiente asfittico, accontentandosi di un'esistenza preconfezionata, in preda a tic nervosi, segretamente innamorato della sua commessa, quando la ragazza gli lascia capire che lo corrisponderebbe mettendo fortemente in crisi i valori in cui ha creduto, l'uomo si interroga se sia lecito pretendere il diritto alla felicità. Questione spinosa per uno che sprecando opportunità e sottraendosi alla competizione si è relegato ad un ruolo di mero spettatore; ma al termine di una giornata trascorsa a macerarsi nel dubbio, una soluzione, pretestuosa ma inoppugnabile gli affiorerà alla mente permettendogli di compiere, a suo modo di vedere, la migliore delle scelte possibili. Valentina Capecci

 

 


Continua...

di Valentina Capecci
con Piero Piccioni
Regia: Andrea Caldarelli

Migratori senz'ali

Stagione teatrale
21 Novembre 2015
21:15

Uno spettacolo, un racconto che narra le vicende dei nostri bisnonni, trisavoli, al tempo della loro emigrazione nei vari stati dell'Europa e del mondo, alla ricerca di un lavoro che potesse dare dignita' e sostentamento alle loro famiglie. Una storia con dialoghi e racconti dell'emigrazione italiana dei primi del '900, quando con una valigia di cartone piena di speranza...partivano...e ...


Continua...

di Diego Dezi
Regia: Diego Dezi
Compagnia: Terzo Tempo di Montecosaro

Un matrimonio scombinato

Stagione di Prosa
29 Novembre 2015
17:15

'Dal momento che vedete la commedia mi guarderò bene, per amor vostro , dal trattenermi sui particolari e non voglio togliere ad essa la grazia della novità e a voi il piacere della sorpresa'. Così Molière presentava la sua commedia al pubblico del 'Grand Divertissement Royal' a Versailles il 18 luglio 1668. Molière trae la vicenda da una sua vecchia farsa 'La jalouise du barbouillè'. E' la storia di un contadino arricchito cha ha avuto la malaugurata idea di sposare una damigella nobile: lo ha fatto per una ingenua ambizione, salvando dal fallimento economico la famiglia della sposa. Ne ottiene inevitabili corna ma soprattutto non ha la possibilità di dimostrarlo ed è qui che la farsa sembra realizzare una volontà fatale. Il contadino si trova a vagare in un labirinto dal quale è impossibilie uscire nonostante cerchi più volte, con forza, di convincere i suoceri del comportamento scorretto della moglie.
Continua...


Regia: Diego Dezi
Compagnia: Filarmonico Drammatica di Macerata

Una passione slava

Reading concerto
16 Gennaio 2016
21:30

La vita di Giulila Schucht e la storia d'amore con Antonio Gramsci tra politica, musica, storie di grandi personaggi e trame di vita privata. Lo spettacolo, tratto dal romanzo di Lucia Tancredi (vincitore del Premio Letterario Internazionale "Scrivere per Amore" 2013 di Verona) si configura come un "book live", una maniera per raccontare un libro unendo parole e musica. La voce di Serena Abrami, accompagnata al pianoforte da Fabio Capponi, evocherà il clima musicale tra gli anni Venti e Trenta. La serata, di grande eleganza e spessore culturale, assume anche una connotazione sociale di primo piano poiché l'intero ricavato verrà devoluto alla principale campagna della Rotary Foundation: la lotta per la completa eradicazione della polio.


Continua...


La risposta sta soffiando nel vento

concerto recital
24 Gennaio 2016
17:30

Vent'anni di musica e parole. Leonardo Angeletti e la sua band, i Blue Velvet, presentano 'La risposta sta soffiando nel vento' dal titolo di una celebre canzone dal contenuto pacifista, scritta da Bob Dylan. Nel corso del concerto vengono eseguiti brani dei Beatles, degli America, di Lucio Battisti, di Paolo Conte, di Crosby, Stills, Nash, Young, di Bob Dylan, di Simon & Garfunkel e di John Lennon.; da essi Massimo De Nardo ha tratto l'ispirazione per scrivere i testi letti da Piero Piccioni , dallo stesso De Nardo, da Laura Cannara e da Stella Righetti. Diego Dezi ha curato la regia del recital. Leonardo Angeletti batteria, voce; Carlo Angeletti chitarra, voce; Massimo Meloni basso; Franco Ubaldini chitarra, voce; ospite Claudio Sagretti voce

 


Continua...


Scusate se non siamo morti in mare

Scena Franca
5 Marzo 2016
21:00

"Scusate se non siamo morti in mare" un cartello esposto da alcuni immigrati durante una manifestazione a Lampedusa. Davanti al catastrofico numero di morti che con cadenza quotidiana sono cronachisticamente raccontati dai telegiornali, il sentimento più diffuso è un comune senso di smarrimento e lontananza, un'impossibilità di comprendere sino in fondo l'entità del fenomeno migratorio, le sofferenze e le disgrazie da esso provocate. La società sistematica e telematizzata in cui viviamo ci ha abituato a questo senso di "indifferente consapevolezza", ma cosa succederebbe se da un momento all'altro fossimo noi i migranti, i protagonisti di questa tragedia dalle connotazioni ancestrali? Scusate se non siamo morti in mare formalizza questa domanda attraverso la sapiente creazione di personaggi dal sapore realistico di grande empatia universale: portatori di speranze, di illusioni e fallimenti.


Continua...

di Emanuele Aldrovandi
Regia: Pablo Solari
Compagnia: MaMiMò di Reggio Emilia

L'aperitivo

Scena Franca
12 Marzo 2016
21:00

'Bisogna che accada qualcosa. Anche la servitù senza amore, anche la guerra, o la morte. (...) L'uomo è fatto così, caro signore, ha due facce: non può amare senza amarsi. Osservi i suoi vicini, se per combinazione sopravviene un decesso nel casamento: dormivano la loro vita mediocre, ed ecco per esempio che muore il portinaio. Subito si svegliano, si dimenano, si informano, si impietosiscono. Sta per uscire un morto, e finalmente lo spettacolo incomincia. Hanno bisogno della tragedia, che vuole, è la loro piccola trascendenza, il loro aperitivo.' Da La Caduta di Albert Camus

La scena è un aperitivo in un salotto mondano, dove pochi viveur animano frivole conversazioni. La serata è allietata dalla musica di un piano. Nell'attuale socialità,
Continua...


Regia: Oscar Genovese
Compagnia: Associazione Franco

Maria Addolorata

Scena Franca
20 Marzo 2016
21:00

Una inchiesta sul dolore come fonte e sottrazione di vita. In scena due performer per una sacra rappresentazione della vita e della sopravvivenza al dolore e, a noi stessi. Dal corpo allo spirito la performance attinge ad un grammelot di testi sacri e profani e iconografie classiche dei Santi. Non c'è concessione all'estetica né al conformismo ma continua ricerca e improvvisazione. Lo spettacolo ha vinto prestigiosi premi in Italia, Francia, Germania, Polonia, Israele e ottenuto il plauso dalla critica internazionale: "C'è molto dolore, fisico e psicologico, ma anche una proposta di teatro eccellente e meravigliosa danza in questo lavoro. Facile capire come questa sconvolgente performance di teatro fisico abbia conquistato quattro tra i maggiori premi in Europa" David Mead Critical Dance "Il dolore si manifesta qui con una coreografia degli estremi: talvolta instabile aggressiva e brutale, talvolta dolente
Continua...

di e con Carlo Massari e Chiara Taviani
Compagnia: C&C Compagny

L'anarchico non è fotogenico

Scena Franca
26 Marzo 2016
21:00

Quotidiana.com in 'L'anarchico non è fotogenico' di e con Roberto Scappin e Paola Vannoni. Ultimo capitolo di una trilogia dedicata alla "buona morte" che, in questo primo capitolo, si intreccia con le eutanasie negate non solo in ambito medico ma anche politico e culturale. Ironia e lampi di genialità caratterizzano questa irriverente piéce. I protagonisti di questa non-storia sono due non-cowboy, con tutto il tramonto che il western si porta appresso. Roberto Scappin e Paola Vannoni procedono a una pacatissima rassegna di morti utili, stereotipi da cancellare, cliché da smontare, un'epurazione verbale di tutta quell'inutilità che si continua a portare avanti sospinti dal demone dell'abitudine. L'azione non procede perché non ci può essere appunto alcuna azione, tutto si condensa nell'esasperazione di un tempo morto che è la vita. Così anche i corpi dei due interpreti compiono movimenti ridicoli che scollati dal loro normale agire rivelano e confermano ancora una volta l'inerzia desolante del sopravviversi.


Continua...