Stagione 12-13
San Ginesio - Teatro Giacomo Leopardi
Per informazioni e prenotazioni:

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi al numero +39 347 020 575 9


Betlehem anno zero

Stagione Musicale
16 Dicembre 2012
16:30
Commedia musicale del laboratorio teatrale e gruppo Musicanova di Falconara Marittima.
Continua...


Compagnia: Musicanova di Falconara Marittima

Vecchio mondo live tour

Stagione Musicale
21 Dicembre 2012
21:30
Gattamolesta Urban Folk - la rivoluzione Gipsy Energy Folk - del nuovo panorama musicale italiano, con lo stravagante “vecchio mondo live tour”. Apertura concerto I Colori di Paul Klee.
Continua...


Compagnia: Gattamolesta

A proposito di…tango

Stagione Musicale
22 Dicembre 2012
21:30
Trio Lumiere (S.Giavazzi, C.Bertoli, M.Fabbri - pianoforte, flauto, bandoneon). I fianchi si toccano. Le gambe si incrociano con precisione. I piedi si muovono all’unisono. I protagonisti diventano una cosa sola. “El tango es un romance de amor y seducción que dura tres minutos…”: tenerezza, desiderio e tanta passione, il tango è metafora della vita e dell’amore. In scena la musica dal vivo è interpretata dal trio Lumière de tango - pianoforte, bandoneon e flauto...
Continua...


Compagnia: Trio Lumiere

Corale Bonagiunta

Stagione Musicale
29 Dicembre 2012
21:30
AUDITORIUM S. AGOSTINO - Corale Bonagiunta con il “tradizionale concerto di fine anno”.
Continua...


Sempre con me - I cadaveri si spediscono e le donne si spogliano

12 Gennaio 2013
21:15
- Doppia Serata - 2 Atti unici - Sempre con me” di Mauro Eberspacher, “I cadaveri si spediscono e le donne si spogliano” di Dario Fo, portati in scena dall’Associazione Teatrale BelfArte -due atti unici per la regia di A. Sommella. Sempre con me” di Mauro Eberspacher- Una sorprendente situazione, un po’ assurda, un po’ surreale, in cui sei donne si trovano a dover raccontare ad una settima un frammento della propria vita, a rievocare - forse a “riesumare” - storie di amori perduti. Ma, alla fine, chi ha abbandonato chi ? E come sono andate veramente le cose? - “I cadaveri si spediscono e le donne si spogliano” di Dario Fo- Questa commedia nasce nei primi anni ’60 dal recupero fatto da Dario Fo di canovacci e copioni di farse che la famiglia Rame – antica compagnia di attori girovaghi della quale facevano parte i genitori della moglie Franca - metteva in scena alla fine dell’ottocento. La commedia è permeata del gusto di Dario per lo sberleffo e per la comicità clownesca e sgangherata: una farsa tra il “giallo” e il “noir” in cui, in anni in cui il divorzio non esiste , si ricorre a sistemi più sbrigativi per sciogliere il vincolo matrimoniale. Ma non vogliamo privarvi del piacere di un finale a sorpresa. -
Continua...

di Mauro Eberspacher e Dario Fo
con irene battellini marta cacchiarelli catia cappellacci martina caronna ferdinando caronna e trilly
Regia: Antonio Sommella
Compagnia: Ass.ne Teatrale BelfArte

"Happy new year"

Stagione Musicale
13 Gennaio 2013
18:00
Corpo Bandistico di S.Ginesio tradizionale concerto di inizio anno.
Continua...


Tributo a Fabrizio De Andrè

Stagione Musicale
26 Gennaio 2013
21:30
. Poeta De Andrè in concerto.
Continua...


Lu cavallu de Troia

Stagione amatoriale
2 Febbraio 2013
21:30
Note di regia - L’opera racconta, sotto forma di parodia, l’origine della guerra di Troia, giocando sui personaggi e ricreando situazioni altamente paradossali, che generano un crescendo di ilarità, senza mai perdere di vista il sottile filo conduttore del contenuto morale: possiamo essere forti e potenti quanto vogliamo, ma…
Continua...

di Bruno Cardarelli
Compagnia: del Teatrino di Camporotondo

Pitecus

17 Febbraio 2013
18:00
Antonio Rezza analizza il rapporto tra l'uomo e le sue perversioni. Storie di tanti personaggi, un andirivieni di gente che vive in un microcosmo disordinato. Stracci di realtà si susseguono senza filo conduttore, sublimi cattiverie rendono comici ed aggressivi anche argomenti delicati. Le contraddizioni della nostra società emergono in maniera spietata e travolgente in questa rappresentazione, che vedrà protagonista sul palco una delle personalità artistiche più originali della scena teatrale italiana e internazionale, Antonio Rezza, che ha curato anche i testi dello spettacolo, mentre Flavia Mastrella è autrice dei quadri di scena. Pitecus si scaglia contro la cultura dell’assopimento e della quiescenza creativa. Lo spettacolo racconta le storie di tanti personaggi, un andirivieni di gente che vive in un microcosmo disordinato: stracci di realtà si susseguono senza filo conduttore, sublimi cattiverie rendono comici e aggressivi anche argomenti delicati. Non esistono rappresentazioni positive, ognuno si accontenta, tutti si sentono vittime, lavorano per nascondersi, comprano sentimenti e dignità, non amano, creano piattume e disservizio. I personaggi sono brutti somaticamente e interiormente, sprigionano qualunquismo a pieni pori, sprofondano nell’anonimato; ma, grazie al loro narcisismo, sono convinti di essere originali, contemporanei e, nei casi più sfacciati, avanguardisti. Parlano un dialetto misto, sono molto colorati, si muovono nervosi e, attraverso la recitazione, assumono forme mitiche e caricaturali, quasi fumettistiche. Pitecus è dunque uno spettacolo che analizza il rapporto tra l’uomo e le sue perversioni: laureati, sfaticati, giovani e disperati alla ricerca di un occasione che ne accresca le tasche e la fama, pluridecorati alla moralità che speculano sulle disgrazie altrui, vecchi in cerca di un’identità che li aiuti ad ammazzare il tempo prima che il tempo ammazzi loro, persone che tirano avanti una vita ormai abitudinaria, individui che vendono il proprio corpo in cambio di un benessere puramente materiale, esseri che viaggiano per arricchire competenze culturali esteriori e superficiali. Un discorso a parte meritano i quadri di scena, che rappresentano una vera e propria operazione di arte applicata alla drammaturgia, conferendo allo spettacolo un linguaggio figurativo che mischia colori e parole.
Continua...

di Flavia Mastrella Antonio Rezza

Oscar e la dama in rosa

3 Marzo 2013
18:00
- Tratto dal libro di Eric-Emmanuel Schmitt - Amanda Sandrelli parla con Dio attraverso il piccolo Oscar e racconta uno spaccato che appartiene a tutti: il confronto con la caducità dell'esistenza, con la malattia e con la morte. E lo fa, come Oscar, con partecipazione e distacco, trasportando il pubblico da momenti di riso ad altri di commozione.
Continua...


con Amanda Sandrelli
Regia: Lorenzo Gioielli
Compagnia: Parmaconcerti

Donna Ginevra e le stazioni lunari

Stagione Musicale
9 Marzo 2013
21:30
Ginevra Di Marco torna al Leopardi con uno spettacolo pieno di ritmo, accompagnata in questo viaggio da Francesco Magnelli-piano-magnellophoni, Andrea Salvadori - tzouras e chitarra, Marzio del Testa –batteria. Il concerto ripercorre sei anni di lavoro sulla musica tradizionale del bacino del Mediterraneo. Tematiche quali lavoro, emigrazione, politica corrotta, condizione femminile, vivibilità legata alla terra, ma anche canti di matrimoni, feste e danze. Un susseguirsi di colori e di culture diverse, un'energia solare e positiva. A inizio serata ci sarà la presentazione del docu-film “L’anima della terra vista dalle stelle” con la partecipazione in videoconferenza di Margherita Hack.
Continua...


con Ginevra Di Marco

Bella Gente d’Appennino

Stagione Musicale
16 Marzo 2013
21:30
Recital per voce (G.L. Ferretti) e violino (Ezio Bonicelli). Giovanni Lindo ferretti, fondatore dello storico gruppo punk "CCCP fedeli alla linea" (fondato nel 1982 e sciolto nel 1990), dei "C.S.I. - Consorzio Suonatori Indipendenti" e dei "P.R.G." insieme al violinista Ezio Bonicelli (ex Ustmamò) nel recital "Bella Gente d'Appennino". Uno spettacolo intenso dove le parole, pregne di sudore e storia lunga secoli, sono recitate, salmodiate e a volte cantate. "Bella Gente d'Appennino" è il seguito ideale di "Reduce", libro prima e spettacolo poi, ispirato dal ritorno a casa e dall'inevitabile riscoperta di sé stesso; reduce come gli antenati andati in guerra anni prima e attesi per anni dalle loro donne; reduce come chi, dopo anni, si trova a fare i conti con il proprio rinnovato pensiero. Lo spettacolo trae linfa dall'omonimo lobro, pubblicatonel novembre 2009 da Mondadori. Una riflessione sulla vita di montagna, i boschi, gli animali, la transumanza e le celebrazioni recitate.
Continua...


con Giovanni Lindo Ferretti e Ezio Bonicelli