Stagione 10-11
Treia - Teatro comunale
Per informazioni e prenotazioni:

Per prenotare contatta teatroservice +39 348 341 730 6 - +39 0 733 205 571 oppure ufficio cultura Comune di Treia +39 0 733 218 750. E-mail teatroservice@virgilio.it
L’acquisto dei biglietti al botteghino è possibile nei giorni degli spettacoli a partire dalle ore 19.00


Italian beauty. Viaggio in un paese di mostri

9 Dicembre 2010
21:00
Sono diversi i “mostri” che affollano il nostro Paese, nelle strade, in televisione, nei palazzi della politica... Ci sono i fenomeni dello schermo sfornati dai reality, ci sono fantastici esponenti di partiti sempre nuovi, ci sono imprenditori rampanti e ruspanti-chic, ci sono uomini e donne sempre più soli alla ricerca di briciole di felicità. Sono “mostri” che generano orrore, eppure, a volte incredibilmente, creano desiderio di emulazione. Leonardo Manera, con la sua comicità capace di scendere negli abissi, di cogliere tutto il grottesco della vita e di sfiorare la tristezza attraverso la poesia, viaggia in un Paese di mostri che è il nostro Paese di oggi, per raccontarcelo senza pregiudizi, ma con divertimento e com-passione. Siccome “mostro” è etimologicamente tutto ciò che desta meraviglia, nello spettacolo c’è spazio anche per la magia e l’incantamento… come a dire che la via di fuga dall’orrore di molta realtà massmediatica è la capacità di riscoprire il sogno nel quotidiano.
Continua...

di Leonardo Manera
con Leonardo Manera Walter Maffei
Regia: Marco Rampoldi

Non c'è tempo amore

20 Gennaio 2011
21:00
Due coppie che si incrociano e si tradiscono più o meno consapevolmente, tutto qui, però attraverso questa commedia degli equivoci classica si cerca di dare un punto di vista su un momento storico e generazionale molto particolare. Non c’è tempo è, infatti, un po’ una sensazione che tutti noi dai quaranta anni in poi abbiamo, non sei né giovane né vecchio… sei in un’età strana in cui tutto inizia ad assumere un volto diverso e anche tu... Si tratta di una commedia davvero divertente, ma con un occhio attento al reale. Quattro personaggi, due uomini e due donne molto diverse tra loro che si confrontano con l’amore. C’e una coppia vera e propria composta e poi due personaggi meno convenzionali che non hanno una famiglia pur avendo la stessa età e sono meno definiti, più liberi ma più spaventati…La libertà è più difficile da gestire! Tutto questo “gioco” diventa così un modo per riflettere spesso su quanto la coppia sia davvero una scelta o una struttura sociale, a quante cose si rinuncia a volte per amore, oppure per convenzione. Bisogna capire se è l’amore che ti tiene insieme o il senso di protezione che può dare una coppia. Una contrapposizione tra due coppie che rappresentano il panorama delle scelte attuali.
Continua...

di Lorenzo Gioielli
con Amanda Sandrelli e Blas Roca Rey
Regia: Lorenzo Gioielli

Non solo bolero - Carmen - Carmina Burana - Amores

1 Febbraio 2011
21:00
E' uno spettacolo pensato per raccontare le vicende di un gruppo di persone che si trovano in un locale, o in un osteria come nella Carmen, o in taberna come nei Carmina Burana, o nella taverna come nel Bolero di Milloss, dove ognuna racconta la propria storia. Questa nuova pièce è un intreccio di storie dal forte sapore etnico che vengono caratterizzate da una scansione ritmica costante e crescente e che vede alternarsi opere note, come la Carmen di Bizet, i carmina Burana di Carl Orff ed il Bolero di Ravel, a momenti di rarefatta intensità, che raccontano le vicende personali dei protagonisti. L'idea è quella di raccontare in modo cinematografico, la vita e le storie di persone comuni mediante le grandi opere musicali del secolo.
Continua...

di Mvula Sungani - Mauro Giannelli
con Kledi Kadiu, Emanuela Bianchini
Compagnia: Mvula Sungani

Die panne

13 Marzo 2011
21:00
Die panne -ovvero “La notte più bella della mia vita” - Un banale incidente, l'auto in panne, costringe Alfredo Traps, rappresentante di tessuti, ad una sosta indesiderata. Cercando aiuto, trova ospitalità a casa di un vecchio giudice che, in compagnia di due amici, un pubblico ministero e un avvocato in pensione, lo coinvolge nel loro passatempo: ricelebrare importanti processi come quelli a Socrate, a Gesù, a Federico di Prussia. Ben presto Traps si ritrova imputato e, in un'atmosfera sempre più inquietante, il gioco acquista un risvolto inaspettato. Si scopre che Traps, divenuto l'amante della giovane moglie del suo principale, di questo aveva provocato involontariamente la morte. Il delitto di Traps è tuttavia frutto di una mente assolutamente innocente e inconsapevole: la sua cattiveria è originaria e, come tale, esente da sensi di colpa a meno che qualcuno non faccia emergere i ricordi dalle nebbie del passato. Raccontando le proprie vicende Traps si trova di fronte alla prova della colpevolezza e si autoinfligge la condanna a morte che per gioco gli era stata comminata. Per Dürrenmatt siamo tutti colpevoli e il racconto ne è soltanto la dimostrazione attraverso il paradosso. La panne. Una storia ancora possibile (1956) è uno dei romanzi più significativi dello svizzero Friedrich Dürrenmatt. Il tema è il conflitto dell'individuo con un mondo intimo, mostruoso, ignoto e comune a tutti noi. In teatro, il testo assume contemporaneamente i toni cangianti del leggero, del comico, dell'angosciante, del tragico e coinvolge lo spettatore nello stesso modo in cui cattura il protagonista.
Continua...

di Friedrich Dürrenmatt
con Gian Marco Tognazzi e Bruno Armando, Giovanni Argante, Franz Cantalupo, Lydia Giordano Lombardo Fornara
Regia: Armando Pugliese
Compagnia: Indie Occidentali / Neraonda