Stagione 10-11
Tolentino
Per informazioni e prenotazioni:

Rinnovo abbonamenti venerdì 18 e sabato 19 ottobre, ore 16; sottoscrizione nuovi abbonamenti venerdì 25 – sabato 26 ottobre, martedì 5 – mercoledì 6, giovedì 7 novembre ore 18 – 20.
Posto unico poltrona: abbonamento sei spettacoli 90 euro; abbonamento otto spettacoli 110 euro.

Per informazioni:
Compagnia della Rancia +39 0 733 960 059
Teatro Don Bosco +39 0 733 972 220

I biglietti possono essere acquistati anche online sui siti:
Amat
Vivaticket


Oblivion show

4 Febbraio 2011
21:15
Gli Oblivion - cinque cantattori cresciuti a pane e musical – sotto la guida di Gioele Dix hanno costruito uno spettacolo che coinvolge il pubblico e lo travolge con la velocità e il ritmo delle gag, l’arguzia delle citazioni e dei riferimenti musicali, la sensazionale tecnica vocale. Il loro pubblico è formato da migliaia di ragazzi che vedono i video su YouTube, ma anche da molti over 65 che riconoscono i riferimenti alla musica dei loro tempi e apprezzano lo stile del grande avanspettacolo italiano. Utilizzando almeno un secolo di materiale musicale, si servono delle canzoni come di un alfabeto privato, per intrecciare, deformare, riciclare e costruire un palinsesto canoro in cui raggiungono un miracoloso equilibrio tra citazione, creatività, umorismo e commozione. Cavallo di battaglia è l’applauditissimo “I Promessi Sposi in 10 minuti”, un perfetto micro-musical dove tutti i personaggi manzoniani prendono vita sulle note dei Beatles, di Mina, Modugno, Gianni Morandi, Vasco Rossi, Claudio Baglioni, Ornella Vanoni e tanti altri.
Continua...


con Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli
Regia: Gioele Dix
Compagnia: Oblivio

Volare - Omaggio a Domenico Modugno

15 Marzo 2011
21:15
Un tuffo emozionante nella storia di un personaggio simbolo della grande canzone italiana: il recital di Gennaro Cannavacciuolo propone, in una reinterpretazione personale, il percorso musicale di Domenico Modugno. ella prima parte trovano spazio le canzoni dialettali e macchiettistiche, da “O’ caffè” a “La donna riccia”, da “La cicoria” e “U’ pisci spada”, alla più famosa “Io, mamméta e tu”, fino ai monologhi teatrali e al suggestivo dialogo tra madre e figlio tratto dalla commedia musicale “Tommaso D’Amalfi” di Eduardo de Filippo, eseguito con l’apporto della voce registrata di Pupella Maggio che volle dare il suo contributo proprio a questo spettacolo. Nella seconda parte, in un’atmosfera brechtiana, è la volta delle canzoni d’amore più famose lanciate da Modugno, come “Vecchio frac”, “Tu sì ‘na cosa grande”, “Resta cu ‘mme” e così via sino a “Nel blu dipinto di blu”, cantato e danzato con un tip tap alla maniera di Fred Astaire. Uno spettacolo coinvolgente ed interattivo, applaudito dalla critica più esigente, che propone un alternarsi sottile di momenti comici e di suggestive evocazioni poetiche.
Continua...

di e con Gennaro Cannavacciuolo
Regia: Marco Mete

Il medico dei pazzi

2 Aprile 2011
21:15
Gli allievi del Centro Teatrale Sangallo, nel 30° anno di attività della scuola di recitazione del Comune di Tolentino diretta da Saverio Marconi, presentano uno dei capolavori comici del teatro napoletano, scritto nel 1908 e reso celebre anche dal film del 1954 interpretato da Totò. Eduardo Scarpetta costruisce un fuoco di fila di comicità, facendo leva sulle situazioni in cui viene a trovarsi il candido Sciosciammocca, maschera popolare da lui inventata come una versione umanizzata di Pulcinella: scambiando per matti più o meno pericolosi gli ignari ospiti della pensione, che costituiscono un’esilarante galleria di tic e caratteri, si mette così in scena in modo gioioso il rapporto tra normalità e follia. Felice, sindaco di Roccasecca, si reca con moglie e figlia a Napoli a trovare il nipote Ciccilo che gli fa credere di essere direttore di una clinica di pazzi, che altro non è, invece, che la pensione dove vive. Rimasto da solo nella pensione, Felice s’imbatte in una serie di personaggi dai quali, credendoli pazzi, si fa estorcere molte promesse. Il mattino dopo gli ospiti chiedono a Felice di onorare gli impegni fino a quando Ciccilo non interviene per chiarire ogni cosa.
Continua...

di Eduardo Scarpetta
con Gli allievi del Corso di Recitazione del Centro Teatrale Sangallo - Tolentino
Regia: Gabriela Eleonori