Stagione 11-12
Mogliano - Teatro Apollo
Per informazioni e prenotazioni:

Teatro Apollo: 0733-557792, e-mail
Ufficio Turismo Piazzale Cesare Battisti
Dal Martedì al Sabato dalle ore 9.30 alle ore 13.00
I biglietti potranno essere prenotati per telefono ai seguenti numeri :0733-557730 - 335-5329539
La prenotazione telefonica deve essere confermata con il ritiro del biglietto il giorno dello spettacolo.


Margarita e il gallo.

Stagione amatoriale
29 Ottobre 2011
21:15
Siamo nel 1500 e Annibale Guenzi, tipografo fiorentino, stampa libri che nessuno compra. Per potersela cavare dovrebbe diventare tipografo di corte ed imprimere gride e statuti. Ma occorre una raccomandazione e può arrivare solo dal Visconte Morello, cugino del granduca, “Gallo” e appassionato delle terga femminili, in cambio della quale richiede di giacere con la moglie del Guenzi, Bianca. Annibale cede ma sul più bello Bianca deve assentarsi e in casa rimangono solo il tipografo e la sua nuova serva, Margarita, proveniente dalla Lombardia che parla uno strano gramelot. Un testo che occhiegga alla commedia cinquecentesca, scritto da un autore contemporaneo, in una divertente e puntigliosa partitura!
Continua...

di Edoardo Erba
Compagnia: ARTISTICA...MENTE

California suite

Stagione amatoriale
5 Novembre 2011
21:15
Scritta nel 1976 racconta le vicende di quattro coppie che si alternano nella suite di un famoso hotel di Los Angeles, mutandola in testimone silenziosa delle loro vite. I personaggi svelano in essa le proprie esistenze rivelando, di volta in volta, uno scorcio della società americana (e non solo) di quei tempi. Abbiamo scelto di rappresentare solo due delle quattro coppie descritte preferendo quelle dai caratteri opposti ma egualmente ricchi di emozioni perché toccano le corde del sentimento, dalla tenerezza ad una sorta di stizza per i loro vizi.
Continua...

di Neil Simon
Compagnia: Teatrarte

Se devi dire una bugia dilla grossa

Stagione amatoriale
12 Novembre 2011
21:15
La commedia è ambientata in un albergo, dove un onorevole, nonostante la presenza della moglie, coinvolge il suo segretario nell’organizzazione di un suo incontro galante. Ma è difficile tradire quando si è personaggi in vista, quando il tradimento si deve consumare.
Continua...

di Ray Cooney
Compagnia: Gruppo Palchettone

Due dozzine di rose scarlatte

Stagione amatoriale
19 Novembre 2011
21:15
La commedia brillante Due dozzine di rose scarlatte, scritta nel 36 per Vittorio De Sica e Giuditta Rissone, conserva il profumo del passato, il fascino discreto di un’eleganza di scrittura, di noia matrimoniale, di tradimenti consumati più col pensiero che con la volontà.
Continua...

di Aldo De Benedetti
Compagnia: Opora

Mattei - Fango e petrolio

26 Novembre 2011
21:15
“Tutto è spaventosamente chiaro”. Pier Paolo Pasolini Mattei è storia di petrolio. Mattei è storia di giustizia annegata nel fango. Mattei è la storia di una stella di fuoco che cade il 27 ottobre 1962 a Bascapé. "Mi piacciono le figure umane paradigma del presente, e sia “l’Adriano operaio” protagonista del mio precedente lavoro, e ancor di più l’Enrico Mattei condottiero d’impresa, sono due facce simbolo della stessa medaglia: la storia del lavoro italiano. Questo singolare personaggio "patriota", prefigura un’Italia che si riscatta da una guerra mondiale perduta tragicamente, dalla povertà atavica, dalle valigie di cartone dei nostri migranti. Mattei è la storia di un ragazzino nato e vissuto nelle Marche, ma che ben presto parte per Milano a cercare il futuro, qui fonda una piccola fortunata industria chimica e inizia a frequentare gli ambienti politici democristiani, partecipa alla Resistenza, nel dopoguerra fa rinascere l’Agip e fonda l’Eni, rivoluziona la politica energetica nazionale ed internazionale, fino a diventare “l’italiano più importante dopo Giulio Cesare”. Teatro d’inchiesta, thrilling storico, giallo con ritmi da narrazione civile: Mattei è racconto epico di una giustizia negata. Il testo dello spettacolo, scritto a quattro mani con Francesco Niccolini, è frutto di una lunga ricerca fatta di testimonianze dirette, interviste a persone che hanno conosciuto Mattei, e di consultazione di libri, foto, film, documentari e soprattutto dei materiali prodotti dal tribunale di Pavia, sulla ricostruzione degli ultimi giorni di vita e sul giorno della morte del Presidente dell’Eni. Lo spettacolo racconta un Mattei sconvolgente, e getta una nuova, inquietante luce, su questa morte annunciata, primo tragico capitolo di quello che Pier Paolo Pasolini definisce il “romanzo delle stragi”. (Giorgio Felicetti, nelle note di regia) Spettacolo organizzato in occasione del 50° anno dalla scomparsa di Enrico Mattei.
Continua...


con Valentina Bonafoni
Compagnia: Les Enfants du Paradis, Festival della Narrazione di Arzo (Svizzera) e Esteuropaovest Festival

Ricordar cantando canzoni e canzonette

3 Dicembre 2011
21:15
Ricordar cantando canzoni e canzonette” è una proposta ideata e realizzata dal direttore artistico di Musicultura Piero Cesanelli, che ne è anche autore dei testi insieme a Carlo Latini. La proposta è un insolito percorso musicale che consente al pubblico di rivivere l’atmosfera effervescente e rivoluzionaria degli anni ’50 e ’60, mediante l’uso di parole, immagini videofotografiche , ma soprattutto attraverso quelle “canzoni e canzonette” attinte al repertorio italiano ed internazionale. chitarre violino mandolino ADRIANO TABORRO basso chitarre mandolino slide guitar PAOLO GALASSI voce chitarra armonica ANDREA CASTA voce chitarra EL CHOPAS percussioni RICCARDO ANDRENACCI tastiere keyboard MARUMBA sax BOBBY BOTTEGONI voce ALESSANDA ROGANTE voce VALENTINA GUARDABASSI, ELISA RIDOLFI GIULIA MATTUTINI, FRANCESCO CAPRARI voce chitarra arrangiamenti PIERO CESANELLI narratori GIULIA POETA, MAURIZIO MARCHEGIANI montaggio audio video fotografico ANDREA POMPEI
Continua...


Smetti di piangere Penelope

Tutto Esaurito
16 Dicembre 2011
21:15
Sono Tosca D’Aquino, Roberta Lanfranchi e Samuela Sardo le azzeccatissime protagoniste di Smetti di piangere Penelope! la commedia brillante tutta al femminile che arriva per la prima volta in tour in Italia dopo lo strepitoso successo ottenuto a Parigi dove è rimasta in scena per tre anni consecutivi in oltre 600 repliche. Smetti di piangere Penelope! porta sul palcoscenico uno dei temi più attuali dell’universo femminile: “Il mio orologio biologico ha deciso: io faccio un figlio, chi c’è…c’è!” Tre ragazze che hanno già superato la soglia dei 30 anni, tre amiche libere dalle maschere e dalle convenzioni sociali, tre compagne di giochi, tre colleghe di liceo, si ritrovano dopo un po’ di tempo per caso. Si confrontano e si scontrano sul tema della gravidanza, si azzuffano sull’eros, si scoprono diverse ma sempre tremendamente uguali, si amano nella disperazione. Francesca (Tosca D’Aquino): la più tosta delle tre; non ha concluso molto nella vita ma adesso ha una certezza: vuole un figlio! E infatti… Anna (Roberta Lanfranchi): lei il figlio non lo ha neppure concepito ma sa già che è maschio, come si chiama, il giorno esatto in cui nascerà, il segno zodiacale, cosa farà da grande! Penelope (Samuela Sardo): apparentemente ingenua, mai cresciuta, una sorta di Alice nel Paese delle meraviglie, fa la volontaria in un centro sociale ma divora romanzi erotici. Il racconto è diviso in due parti. Nella prima l’argomento è: “trovare un uomo: accontentarsi o puntare in alto?”. Dieci anni dopo: le ragazze, ormai ben oltre la soglia dei fatidici 30 anni, si incontrano nuovamente ma stavolta l’argomento è: “fare un figlio, ad ogni costo!”. In sottofondo, una colonna sonora di canzoni famosissime…
Continua...

di Christine Anglio, Juliette Arnaud, Corinne Puget
Regia: Massimo Romeo Piparo
Compagnia: Peep Arrow Entertainment

Bruno Lauzi - Questo piccolo grande uomo

14 Gennaio 2012
21:15
Bruno Lauzi è sempre stato un personaggio inconsueto, definito da molti suoi colleghi “un vero anticonformista”. Il cantautore ha lasciato pagine bellissime nel grande libro della storia della canzone popolare. Lo spettacolo illustra i vari aspetti dell’artista Lauzi: l’interprete, il cantautore e l’autore. Tutto ciò viene proposto in questa nuova produzione con sonorità attuali, senza alterare minimamente la struttura e l’atmosfera delle canzoni originali. chitarre violino mandolino ADRIANO TABORRO basso mandolino slide guitar PAOLO GALASSI voce chitarra armonica ANDREA CASTA percussioni RICCARDO ANDRENACCI fisarmonica ROBERTO PICCHIO voce ALESSANDA ROGANTE voce VALENTINA GUARDABASSI voce EZIO NANNIPIERI voce chitarra arrangiamenti PIERO CESANELLI narratrice FULVIA ZAMPA voce recitante PIERO PICCIONI
Continua...

di e direttore Piero Cesanelli,
Compagnia: Ensemble musicale la Compagnia

Cenerentola

Teatro per Ragazzi
15 Gennaio 2012
17:00

Compagnia: Fuoricopione

Lisistrata

28 Gennaio 2012
21:15
La particolarità della messa in scena è nella contaminazione fra Cabaret e Burlesque, evidenziata nelle musiche, nelle atmosfere e nei costumi. La guerra non fa da sfondo alla commedia, ma la penetra in tutta la sua drammaticità divenendone protagonista. Lo spettacolo è un omaggio a tutti i caduti per la Patria, in tutte le guerre, che per la bandiera, non hanno esitato a sacrificare in silenzio la propria esistenza nella speranza di un domani migliore. Il filo conduttore è Lisistrata che, con lo stratagemma dello sciopero del sesso, ricatta i guerrieri spartani ed ateniesi a trattare la pace per porre fine alla guerra del Peloponneso. Proprio la sua fermezza ed arguzia favoriscono il gioco comico ma anche polemico e riflessivo. Lisistrata non è solo una donna capace di convincere le altre, ma è lei che si fa motore di un dolore universale: "Sciagurate siamo noi donne a portare il peso della guerra, partoriamo i nostri figli e li mandiamo a fare i soldati!". Il fantastico di Aristofane viene restituito sia nella scelta dell’allestimento, sia nell’utilizzo di pupazzi e fantocci che rafforzano l’onirico della scena interagendo drammaturgicamente con i protagonisti. In tal modo l’arte del teatro diventa magia capace di rievocare figure di corpi, musiche, parole ed immagini come strumenti per esplorare l’animo umano. I protagonisti si affrontano sui tre piani rialzati della scenografia sviluppando al massimo l’azione scenica per esasperare in maniera giocosa e dinamica gli umori del dramma comico di Aristofane. La scena è bianca, compatta e severa, un’isola chiamata Archeo Cabaret, a delineare uno spazio dove passato e presente si incontrano, dove la satira implacabile, feroce e corrosiva esplode con una grande sequenza di immagini ed uno spirito senza limite di tempo aggredendo la società e la Polis: Atene. (dalle note di regia)
Continua...


con GAIA DE LAURENTIIS, Stefano Artissunch, David Quintili, Stefano Tosoni ed un coro di 14 pupazzi
Regia: Stefano Artissunch
Compagnia: Synergie Teatrali e Teatro Ventidio Basso in collaborazione con AMAT

La penultima cena

23 Febbraio 2012
21:30
Paulus Simplicius Marone. Ovvero il catering della cena più importante della storia dell’umanità, racconta la sua vita avventurosa. Le umili origini ad Ariminum, l’adozione da parte una famiglia nobile che lo porterà a Roma dove potrà apprendere l’arte culinaria alla scuola di Apicio, il più famoso chef dell’antichità. Al tempo stesso arrotonda le entrate con affari più o meno leciti ideati nel negozio del barbiere Filone, quartier generale di una compagnia variegata di clientes, puttanieri e perditempo. Tutto fila liscio fino a quando succede un patatrac durante una cena a casa del ricco commerciante di bighe Gitone Sulpicio. Paulus decide di fuggire nella terra più lontana e desolata dell’impero: la Palestina. Così il cuoco romagnolo si trova a Cana mentre due sposini celebrano il matrimonio. Qui accade l’imprevisto. Il miracolo di Gesù.
Continua...


con Paolo Cevoli
Regia: Daniele Sala

La gabbianella e il gatto

Teatro per Ragazzi
26 Febbraio 2012
17:00

Compagnia: Teatro Accademia di Pesaro

La bella addormentata nel bosco

Teatro per Ragazzi
18 Marzo 2012
17:00

Compagnia: Massimo Romagnoli

La cena dei cretini

19 Marzo 2012
21:15
Ogni mercoledì un gruppo di amici ricchi e annoiati organizza per abitudine la cosiddetta “cena dei cretini”, alla quale i partecipanti devono portare un ospite ritenuto stupido per poi riderne sadicamente. Ma una sera il “cretino” di turno da vittima si trasforma in carnefice. E, in un crescendo di divertenti errori e malintesi, crea al suo anfitrione tali e tanti problemi da mettergli perfino in crisi il matrimonio.
Continua...

di Francis Weber
con Zuzzurro & Gaspare e Dario Biancone, Gianfranco Candia, Alessandra Schiavoni
Regia: Andrea Brambilla
Compagnia: A. Artisti Associati

Sergio Sgrilli in 20 in poppa

24 Marzo 2012
21:15
Ospite della manifestazione Vivere l’Arte
“La vera comicità sta nel quotidiano” potrebbe essere il sottotitolo di questo spettacolo. Il racconto di una vita comune, senza toccare argomenti come la TV con la sua pubblicità, il calcio, le barzellette. Possibile? Uno spettacolo coinvolgente, senza rivolgersi direttamente al pubblico con battute ormai scontate: fattibile? L’ultimo dei Freak è uno spettacolo interattivo, mutevole, facilmente comprensibile, ma con diverso piani di lettura: “ tutto parte da una delusione d’amore, conoscete? No? Tranquilli, succederà. Ma non per volervi male, tanto arriva, allora è meglio prima che poi. (…) Solo pochissimi rapporti hanno la fortuna di andare in porto, la maggior parte delle mie storie nasce, cresce, si sviluppa, invecchia e muore. Come è successo a me. La mia è nata, è cresciuta, si è sviluppata ed è morta. E’ morta la storia d’amore, non lei…purtroppo…” “L’ultimo dei Freak” è il grido di una generazione confusa, he si trova a vivere in questo “nuovo mondo”, con nuove regole, nuovi sogni, nuovi linguaggi.
Continua...


con Sergio Sgrilli
Regia: Sergio Sgrilli