Stagione 15-16
Civitanova Alta - Teatro Annibal Caro
Per informazioni e prenotazioni:

Per prenotare contatta direttamente il Teatro tel.0733-892101 e-mail: a.caro@tuttiteatri-mc.net


Cantiere aperto per Narciso_Io

Civitanova Danza tutto L'anno
7 Novembre 2015
21:15

"Nell'altro vedo solo me stesso. L'altro è un riflesso che mi appartiene. Non è una proiezione la mia, voglio afferrarmi nella sua intimità. Voglio tutto. Tutto di me." I coreografi e danzatori Marta Bevilacqua e Leonardo Diana si incontrano e mettono insieme la loro capacità autorale e visionaria per solleticare un argomento tanto attuale quanto controverso della cultura del nostro tempo: l'aspetto della vanità e della centralità del sé. Lo spunto è una vicenda mitologica. Narciso ed Eco, un ragazzo ed una ninfa, sono incapaci di entrare in relazione diretta. Lui ama se stesso, lei ama lui ma è voce incomprensibile e ripetitiva. Un incontro mancato, il rimbalzo dell'immagine e il rimbalzo del suono, che rispecchia la difficoltà del nostro tempo di comunicare con l'altro e con se stessi. I due talentuosi coreografi elaborano partiture virtuose e virtuali, che dal mito arrivano al selfie, per affermare quanto sia complessa la ricerca ossessiva, narcisistica e infine mortale, di afferrarsi.
Continua...


con Marta Bevilacqua e Leonardo Diana coreografi e danzatori

Cantiere aperto per l'aperitivo - bisogna che accada qualcosa

Marche in scena
22 Novembre 2015
17:00

Performance teatrale in omaggio ad Albert Camus. Bisogna che accada qualcosa. Anche la servitù senza amore, anche la guerra, o la morte. (...) L'uomo è fatto così, caro signore, ha due facce: non può amare senza amarsi. Osservi i suoi vicini, se per combinazione sopravviene un decesso nel casamento: dormivano la loro vita mediocre, ed ecco per esempio che muore il portinaio. Subito si svegliano, si dimenano, si informano, si impietosiscono. Sta per uscire un morto, e finalmente lo spettacolo incomincia. Hanno bisogno della tragedia, che vuole, è la loro piccola trascendenza, il loro aperitivo. Da La Caduta di Albert Camus. La scena è un aperitivo in un salotto mondano, dove pochi viveur animano frivole conversazioni. La serata è allietata dalla musica di un piano. Nell'attuale socialità, l'aperitivo è rituale contemporaneo dell'attesa, dell'aspettativa delusa e della vacuità. La vera cena si consuma nell'attesa.
Continua...


con Romina Antonelli, Manuel Coccia Roberto Marinelli, Caterina Trucchia
Regia: Oscar Genovese
Compagnia: Associazione Franco

Concerto inaugurale

Civitanova Classica Piano Festival
29 Novembre 2015
17:30

Civitanova Classica Piano Festival è riuscita anche quest'anno a proporci un cartellone accattivante e dall'alto contenuto artistico. Il programma musicale, curato con attenzione dal direttore artistico Lorenzo Di Bella, vede protagonisti come ogni anno nomi di rilievo del panorama concertistico internazionale. E' la FORM - Orchestra Filarmonica Marchigiana, sotto la direzione del tedesco Michael Zukernik, ad aprire al Teatro Annibal Caro, con due straordinari artisti ospiti: il pianista Gianluca Luisi, vincitore nel 2001 del Premio Bach di Saarbrucken, che esegue il Concerto n.4 di Beethoven, e l'istrionico attore Andrea Di Buono nome amatissimo del nostro territorio, alle prese con l'avvincente narrazione della fiaba musicale "Pierino e il lupo" di Prokofiev.


Continua...


con FORM - Orchestra Filarmonica Marchigiana Michael Zukernik direttore Gianluca Luisi pianoforte Andrea Di Buono voce recitante

Pollicino

A teatro con mamma e papà
6 Dicembre 2015
17:00

Lo spettacolo narra la vicenda di Pollicino, ultimo di sette fratelli abbandonati dai genitori, perduti nel bosco, vittime dell'Orco che intende divorarli, e finalmente salvati proprio dall'intraprendenza del più piccolo di essi. Il protagonista della vicenda è piccolo, il più piccolo, ma la sua paura, grande, non lo annichilisce. Ciò che, al contrario, lo rende vincitore di fronte alle avversità della vita è la curiosità ed il suo coraggioso desiderio di conoscere la realtà, anche nei suoi aspetti più crudeli. E' la curiosità che spinge Pollicino a vigilare su quanto dicono e fanno i genitori ed egli è in grado di avvertire con tempestività il pericolo e di attrezzarsi per farvi fronte. Dalla casa del padre a quella dell'Orco, attraverso il bosco si avvia al mondo, verso altri boschi ed altre case... Pollicino non fa ritorno a casa sua e non si perde:
Continua...


Compagnia: Accademia Perduta-Romagna Teatri di Forlì

Inferno Novecento

Stagione di Prosa
13 Dicembre 2015
17:00

A distanza di dieci anni dal fortunatissimo Dante Inferno, Federico Tiezzi riunisce di nuovo Sandro Lombardi e David Riondino intorno alla Commedia dantesca. Lo spettacolo, che nasce da un'idea del giovane drammaturgo Fabrizio Sinisi, mette a confronto i maggiori personaggi dell'Inferno con grandi icone del Novecento (Lady Diana e Dodi Al Fayed, Marylin Monroe, Giulio Andreotti, Andy Warhol, Pier Paolo Pasolini...) o con momenti cruciali della sua storia, costruendo una diversa possibilità di lettura e fruizione del poema fondante della nostra cultura. Lo spettacolo innesca uno strumento attraverso il quale il mondo contemporaneo possa interpretare la prima cantica dantesca: ma offre anche un modo per farsene interpretare. La grande poesia di Dante diventa un percorso all'interno delle contraddizioni dell'uomo contemporaneo.
Continua...

di Federico Tiezzi
con Sandro Lombardi e David Riondino
Compagnia: Lombardi – Tiezzi

Concerto di Capodanno

2 Gennaio 2016
21:15

Il tradizionale Concerto di Capodanno con l'Orchestra del ‘700 Italiano diretta dal maestro Alfredo Sorichetti. In programma le più celebri arie d'opera e valzer di Strauss. Si esibiranno il soprano Mirella Di Vita, il tenore Michael Alfonsi, la giovane violinista Gaia Trionfera, insieme all'attore Luigi Ciucci. Un concerto per salutare insieme l'arrivo del nuovo anno con le meravigliose armonie che la grande musica sa offrire.
Continua...


La storia di un punto

A teatro con mamma e papà
10 Gennaio 2016
17:00

Nessuno lo sa, ma esiste un treno che porta le storie, con tanto di binari, orari e fermate.I Teatri sono le stazioni dove arriva e dalle quali successivamente riparte. Lo conducono due macchinisti speciali in grado di occuparsi di ogni cosa, anche di raccontare le storie che il treno da sempre trasporta. Saranno loro, tra sbuffi di vapore e stridolìì di freni, ad arrivare sul palco per raccontare la più incredibile ed affascinante delle storie, quella del mondo in cui tutti viviamo. In principio c'era solo un grande e sterminato spazio bianco, null'altro al di fuori di questo.Poi arrivò un punto, piccolo e nero, che dopo aver girato in lungo e in largo cominciò a sentirsi solo e a diventare triste. Per nostra fortuna sopraggiunse una simpaticissima punta nera, i due si piacquero, si sposarono e generarono tanti piccoli punti, tutti neri, neri, neri.
Continua...


Compagnia: Eventi culturali di Porto Sant'Elpidio Fm

Pinocchio Pastrocchio

A teatro con mamma e papà
17 Gennaio 2016
17:00

Se a stancarsi di stare da solo fosse uno dei tanti nostri figli? Se le poche ore dei genitori sempre in carriera non gli bastassero più e decidesse di costruirsi un pupazzo per giocare? E se questo, curioso, se ne scappasse di casa? E' una storia rovesciata, dove Mangiafuoco è il manager dei reality show, il Gatto e la Volpe due spregiudicati promotori finanziari, Lucignolo una vittima dell'ingannevole mondo della pubblicità e via dicendo. Un lavoro ispirato oltre che a Collodi anche a "La rosa purpurea del Cairo" di Woody Allen. Immagini non come supporto video allo spettacolo, ma cinema e teatro, mondi dai quali entrare ed uscire per raccontare una storia dei nostri tempi attraverso un capolavoro della letteratura italiana.


Continua...


Compagnia: Eventi culturali di Porto Sant'Elpidio Fm

Otello

Stagione di Prosa
31 Gennaio 2016
17:00

Di tutte le tragedie di Shakespeare, Otello secondo me è la più impressionante e la più terribile. Dal momento in cui nel cuore di Otello si insedia la gelosia, il cuore e la mente dello spettatore sono stretti in una morsa. Amore, pietà, paura, speranza e timorosa sospensione dell'animo lo attraversano. Forse non esiste argomento più eccitante della gelosia sessuale che sale all'intensità della passione; sono sentimenti che comportano un senso di vergogna e di umiliazione, e per questo spesso si tengono nascosti. Perché una gelosia come quella di Otello converte la natura umana nel caos, e libera la bestia che è nell'uomo. Artefice di questa liberazione è forse il più grande tra i "villains" shakespeariani, Iago, in cui il male si dispiega sotto forma di una superiorità intellettuale comune solo ad Amleto e Falstaff. Per dirla con Harold Bloom, Iago è uno straordinario psicologo e drammaturgo, e il primo esteta della storia occidentale.
Continua...

di William Shakespeare
con Filippo Dini, Antonio Zavatteri
Regia: Carlo Sciaccaluga

Occhio di bue

Civitanova Danza tutto L'anno
5 Febbraio 2016
21:15

Nell'ambito delle attività del Settore Danza della Biennale di Venezia, diretto nel triennio 2013-2015 da Virgilio Sieni, è stato avviato Biennale College- Danza nel cui ambito il Direttore Artistico ha proposto la sezione Vita Nova, un progetto di formazione per la creazione di un repertorio di danza contemporanea rivolto a giovani danzatori, di età compresa tra i 10 e i 15 anni. Tale progetto ha lo scopo di creare un'attenzione significativa sul mondo della danza, individuando nell'origine delle pratiche e nelle diversità culturali i temi di riferimento per lo studio della danza contemporanea. Vita Nova nel 2015 è realizzato in collaborazione con tre regioni italiane: Emilia Romagna, Marche, Veneto. Per le Marche il partner è AMAT/Civitanova Danza e l'artista che ha curato il lavoro lo scorso mese di giugno è stato Michele di Stefano con la residenza creativa che si è svolta con bambini di Civitanova Marche e comuni limitrofi al Teatro Annibal Caro prima del debutto del 27 giugno a Venezia.


Continua...


Madame Bovary

Stagione di Prosa
20 Febbraio 2016
21:15

Residenza di allestimento. Oltraggio alla morale. Appena pubblicato, il romanzo Madame Bovary viene subito messo sotto inchiesta. Troppo reale, quasi tangibile, l'adulterio raccontato da Flaubert; troppo vero il suo personaggio di giovane donna di provincia accerchiato dalla noia. Ristretta tra le insoddisfazioni, Emma Bovary si macera in un'esistenza senza sussulti, vuota perfino di linguaggi. Nella versione teatrale originale come nel romanzo, le parole sono più efficaci nel mascherare che nel trasmettere la verità: a Madame Bovary non resta che intrecciare un tessuto di bugie con cui ripararsi, come può, dal male di vivere. È una lotta (impari) contro le ristrettezze di una morale che non può e non vuole dire. Lucia Lavia nasce a Roma il 18 febbraio 1992, figlia di Gabriele Lavia e Monica Guerritore. Dopo aver conseguito la maturità classica, compie la sua formazione "sul campo" debuttando nel 2010 ne Il malato immaginario di Molière (regia di Gabriele Lavia) nel ruolo di Angelica.
Continua...

di Gustave Flaubert
con Lucia Lavia
Regia: Andrea Baracco
Compagnia: KHORA.teatro

Ali di farfalle

A teatro con mamma e papà
21 Febbraio 2016
17:00

Le farfalle sono una tra le più misteriose meraviglie della natura. Per scoprire questo prodigio, ecco una storia comica e poetica che sulle ali della fantasia, ci riporta ai tempi dell'Arca di Noè . L' avventura comincia dalla fine , perché dopo la fine c' è sempre qualcosa! Infatti, terminato il diluvio, il simpatico vecchio si rende conto dell' evento straordinario di cui è stato protagonista : per molti giorni uomini e animali sono stati amici, felici di vivere insieme. Dunque il sogno e la speranza di Noè è proprio quello di una pace universale fra tutti gli abitanti di questo mondo, un luogo e un tempo dove regni l' armonia e vengano bandite guerra e odio. Su consiglio della ancor più simpatica Signora Noè, decide di cercare tra tutte le creature, un animale in grado di portare un messaggio speciale a tutti i viventi . Il messaggio è importantissimo perché riguarda una cosa invisibile e leggera come la speranza,
Continua...


Compagnia: Bella di Forlì

Il gatto con gli stivali

A teatro con mamma e papà
28 Febbraio 2016
17:00

In una remota contrada delle terre del re, tanti anni or sono, viveva un anziano e povero mugnaio; aveva con sé moglie non più e tre figli ancora bambini. Gli unici beni che possedeva erano il suo piccolo mulino, un vecchio asinello ed un bel gatto cinerino.Gli anni passavano lenti e monotoni...il canuto mugnaio, sempre più vecchio e stanco, decise di riunire i suoi ragazzi e disse loro: "A te che sei il primo lascio il mulino, a te che sei il secondo ti do il mio asinello che è tutt'altro che tonto, invece a te che sei il terzo affido il mio amato gatto. "Che me ne faccio di un gatto!", esclamo il più piccolo dei tre,"non disprezzarlo figlio mio", rispose il padre, "vedrai, questo gatto è davvero speciale".


Continua...


Compagnia: I Guardiani dell'oca di Chieti

'Brahms 2'

Civitanova Classica Piano Festival
2 Marzo 2016
21:15
ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA MATTEO PAGLIARI direttore LORENZO DI BELLA pianoforte PROGRAMMA W. A. Mozart (1756-1791) Overture da Così fan tutte K588 G. Fauré (1845-1924) Masques et Bergamasques, suite per orchestra op. 112 INTERVALLO J. Brahms (1833-1897) Concerto per pianoforte e orchestra n.2 in si bemolle magg., op. 83 Allegro non troppo Allegro appassionato Andante Allegretto grazioso
Continua...


Jupiter and beyond + Venus

Civitanova Danza tutto L'anno
4 Marzo 2016
21:15

Jupiter and beyond è il primo episodio della ricerca coreografica di Nicola Galli dedicata al sistema planetario, in particolare al pianeta Giove. La creazione, ispirata all'opera cinematografica di Stanley Kubrick 2001: A Space Odyssey, conduce una riflessione sul legame antico e indissolubile che unisce l'uomo al tempo e allo spazio, offrendo un paesaggio magnetico e desolato tra silenzio, flussi micropolifonici e armonie classiche. Venus è il secondo episodio della ricerca coreografica di Nicola Galli dedicata al sistema planetario. L'immaginario astronomico e iconografico di Venus progetta l'avvicinamento dell'uomo al proibitivo e ostile pianeta Venere, caratterizzato da un'atmosfera vulcanica e acida.


Continua...


Hansel e Gretel la favola del saper mangiare

A teatro con mamma e papà
13 Marzo 2016
17:00

Il riadattamento della nota storia di Hansel e Gretel parte da un provino, dalla ricerca di un testimonial del saper mangiare. Un meccanismo automatizzato di rilevazione della noia sarà giudice imparziale; in molti falliscono, fino a quando non si presenta una stramba compagnia di teatro che, un po' per interesse e un po' per necessità, vista la profonda crisi economica, prova a vincere la selezione. Lo spoglio arredamento della sala si trasformerà e inizieranno a raccontare la favola di Hansel e Gretel, costretti a mangiare male da una strega cattiva, desiderosa a sua volta di divorarli. Il testo nasce su precisa richiesta di poter raccontare ai ragazzi l'importanza del saper mangiare e con la volontà di evitare il rischio di essere noiosi e saccenti.

.
Continua...


Compagnia: Teatro Bertolt Brecht di Formia

L.A.N.D. where is my love?

Civitanova Danza tutto L'anno
19 Marzo 2016
21:15

In L.A.N.D., Local Area Network Development, il paesaggio è inteso come quel luogo che viene determinato dalle relazioni tra corpi; queste relazioni scaturiscono dalla percezione dei performers che abitano questa rete e che, contemporaneamente, la creano. Il corpo in movimento diventa strumento sensoriale, parte integrante del paesaggio che cambia e ne e' a sua volta trasformato. Si parte dunque dalla consapevolezza che le nostre memorie fisiche generano pensieri, i nostri pensieri generano azioni. Queste azioni svelano luoghi che diventano paesaggi. È in questo contesto di continuo scambio tra ambiente e performer che si cerca e si crea bellezza. Dunque il tentativo diventa quello di svelare il complesso meccanismo di possibili relazioni tra i corpi danzanti, immersi e fautori del comune paesaggio che, al tempo stesso, muta.


Continua...


Recital Martin Kasik

Civitanova Classica Piano Festival
10 Aprile 2016
17:30
MARTIN KASIK pianoforte PROGRAMMA F. Chopin (1810-1849) 2 Notturni op. 27 Scherzo n.2 in si bemolle minore op. 31 Andante Spianato e Grande Polacca brillante op. 22 ****** L. Janáček (1854-1928) Sul sentiero di rovi 1. Le nostre sere 2. Una foglia nel vento 3. Venite con noi 4. La Madonna di Frydek 5. Le ragazze cinguettavano come rondini 6. La parola viene meno 7. Buona notte 8. Angoscia indicibile 9. In lacrime 10. La piccola civetta non è volata via S. Rachmaninov (1873-1943) 5 Etudes-Tableaux op. 33 No. 6 Allegro con fuoco op. 33 No. 2 Allegro op. 39 No. 5 Appassionato op. 39 No. 8 Allegro moderato op. 39 No. 9 Allegro moderato-Tempo di marcia 
Continua...


Un soldino per il jukebox

Spettacolo musicale
16 Aprile 2016
21:15

Il jukebox, il primo apparecchio pubblico che ha permesso di far ascoltare e ballare le hit del tempo a intere generazioni di ragazzi, è il filo conduttore di "Un soldino  per il jukebox, le calde estati degli anni ‘60", lo spettacolo a tema più frizzante de La Compagnia di Musicultura. Un panoramico e non nostalgico viaggio attraverso la canzone negli anni '60 , una benefica immersione in fatti e personaggi diventati miti, sulle note di brani, diffuse da una magica macchina chiamata Juke box, che sono stati la colonna sonora delle indimenticabili estati di quegli anni. Piero Cesanelli ci racconta come una certa musica fino ad allora indirizzata ad una platea spesso composta da persone attempate, diventa con il rock and roll prepotentemente un fenomeno da teenager. Prima con l'immagine dell'urlatore, poi con quella del cantautore la canzone cambia vestito e si trasforma insieme ad altri rinnovati
Continua...

di Piero Cesanelli
con Enemble Musicale La Compagnia